Golf, Istituto Credito Sportivo e Fig insieme per un progetto scolastico

Progetti, 13 Marzo 2019 da GazzettadelloSport.it

“Golf a scuola” è l’iniziativa quadriennale di Ics e Federgolf presentato oggi a Roma nella sede dell’istituto: quest’anno coinvolgerà 34 istituti scolastici in 34 città diverse per un totale di 102 classi di terza, quarta e quinta primaria.

Istituto del Credito Sportivo e Federgolf insieme per far conoscere meglio la disciplina sportiva che ha in Francesco Molinari la stella azzurra: “Golf a scuola” è già cominciato e si svilupperà fino al 2021-2022. Quest’anno coinvolgerà 34 istituti scolastici in 34 città diverse per un totale di 102 classi (terza, quarta e quinta primaria). L’attività consiste in 3 ore di lezione a settimana per ogni istituto scolastico suddivise in un’ora a settimana per ogni singola classe. In tutto 2.800 ragazzi quest’anno che saranno 13mila a fine progetto. “Come banca noi investiamo sulla fiducia e sul sostegno alle giovani generazioni – ha sottolineato il presidente dell’Istituto per il Credito sportivo, Andrea Abodi – La Ryder Cup non è l’obiettivo verso cui puntiamo, ma lo strumento che darà il meglio a partire dal giorno dopo la conclusione della manifestazione, con l’eredità che quell’evento saprà lasciare anche in termini di impianti. Noi continueremo a mettere a disposizione i nostri strumenti finanziari per agevolare investimenti su nuovi campi, magari più compatti, pubblici, a misura d’uomo”, ha detto Andrea Abodi, presidente dell’Ics, parlando della sinergia con la Federazione in vista anche dell’appuntamento del 2022 che si terrà sui campi del Country Club Marco Simone.
KIT DIDATTICI — La lezione di golf, in accordo con ciascuna dirigenza scolastica e i docenti, può integrare e/o sostituire l’ora di educazione fisica. Per tutte le scuole aderenti, invece, sono stati messi a disposizione gratuitamente kit didattici e di attrezzature specifiche per la pratica utilizzabile durante le lezioni. Gian Paolo Montali (“andremo nelle classi, ma ovviamente poi porteremo i ragazzi sui campi e lavoreremo sul monitoraggio continuo del progetto per aggiustarlo e renderlo migliore”) ha inoltre ringraziato il Ministero dell’Istruzione per l’incentivo e il Coni per il patrocinio: “È andato ben oltre le nostre richieste, anzi ha spinto per fare molto di più”, ha detto il direttore generale del progetto Ryder Cup 2022 che ha dato la parola a due giovani golfisti, il 18enne Andrea Romano (che a gennaio ha vinto il Junior Orange Bowl Championship, uno dei più prestigiosi tornei giovanili al mondo svoltosi sul percorso del Biltmore Golf Course, a Coral Gables in Florida) e alla 13enne Francesca Fiorellini (un anno fa vincitrice dell’English Girls U14 Open Amateur Championship) che hanno raccontato la loro esperienza. Il maestro Pasquale Schiavone ha poi spiegato come in un istituto di Pontecagnano Faiano (Salerno) si siano appassionati come non mai al golf con un ragazzino che in preda all’entusiasmo si è lasciato andare a un “Sono nato per fare questo sport”. Fantastico.

2019-03-20T13:32:12+00:00 marzo 20th, 2019|Assi Manager, Rassegna Stampa|